La trattoria Fore le mura da Franchino ad Assergi (AQ)

WP_20150527_012Trattoria Fore le mura di Assergi: per fortuna esistono ancora locali così.

Mangiar bene in un clima di cordialità, a prezzi popolari: questa è l’antica, vera ospitalità abruzzese e Franchino, il proprietario, ne è l’erede diretto.

La via per raggiungere il locale è stretta e ripida: conviene parcheggiare a valle, vicino alla sede del Parco Nazionale, e far due passi a piedi. Non preoccupatevi delle calorie perse nella salita: le recupererete tutte con grande delizia.WP_20150527_008

Franchino ci accoglie con modi paesani e sorriso schietto: vuol sapere di noi, ci racconta di sé.

Ci mettiamo poco a scioglierci, complice anche il caminetto a pellet miracolosamente acceso in questo freddissimo 27 maggio. Ben presto acquisiamo anche noi l’aria distesa degli altri avventori, quelli che già sanno di potersi fidare.

Ci invogliano gli antipasti dei vicini e li chiediamo anche per noi.

In uno stesso piatto rivaleggiano in sapore e colore melanzane, zucchine, funghetti, ceci, patate, prosciutto, formaggio e salame. Di solito c’è anche il peperone, ma ho preventivamente chiesto di farne a meno. Non finisce qui: arriva, da dividere per due, un’antipastiera di cibi caldi con bruschetta all’olio, ottime polpettine e spuntature di maiale all’arancia.

“Che ve magnate?” torna a chiederci Franchino, col dialetto ostentato di chi si sente in famiglia.

WP_20150527_005Presto detto: pappardelle con funghi e tartufo per me, pappardelle con funghi porcini e salsiccia per l’amico Gianfranco, immortalato un attimo prima dell’assaggio.

Pappardelle al tartufo
Pappardelle al tartufo

Sono dei veri e propri piatti unici, ben conditi, abbondanti, squisiti.WP_20150527_006

Io mi arrendo subito e rinuncio al secondo. Per meglio dire, fingo di arrendermi perché poi faccio man bassa degli arrosticini e della cicoria di Gianfranco. Sfido voi a trattenervi dopo averne sentito l’odore: sono buonissimi, così morbidi e saporiti, e quella cicorietta di campo, con il suo gusto asprigno, ci sta proprio bene.

È buona anche la torta della casa: un pandispagna freschissimo, farcito a due livelli con dell’ottima crema e ingentilito da una copertura leggerissima di panna. Si scioglie in bocca…

Il conto non ci è funesto: 35 euro complessivi per due antipasti, due primi, 12 arrosticini, una ricca porzione di cicoria, un dolcino e un caffè.WP_20150527_009

Uscendo dal locale, siamo nella condizione di spirito per apprezzare la location, stretta fra le antiche mura di Assergi, perfettamente restaurate, e i boschi ameni che caratterizzano questo luogo meraviglioso alle porte del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Se ti è stato utile quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Per sapere quali locali sono già stati recensiti su Bennyland, vai alla pagina Ristoranti e Pizzerie

Precedente Campodimele (LT) Successivo Lo show cooking di Carlo Cambi