Il ristorante La Rupe di L’Aquila

WP_20151020_008Il ristorante La rupe di L’Aquila è ubicato in un contesto ben poco rupestre, sotto piloni dell’autostrada tanto sgradevoli dal punto di vista estetico quanto funzionali per un comodo parcheggio.

Il locale è gremito.

Non è una novità: a La Rupe si mangia bene, si spende poco e si respira l’aquilanità verace dei proprietari, che in sala ospitano a profusione quadri, affreschi e sculture a soggetto locale e nel menu contemplano i piatti tipici della nostra tradizione culinaria.WP_20151020_005

Siamo subito avvertite che l’attesa sarà lunga, ma la mia amica ed io abbiamo tempo, confidenze arretrate da scambiare e appetiti gastronomici da soddisfare. In realtà, la cameriera passa a prendere l’ordine solo quando sa di poter evaderlo quindi il lasso di tempo intercorrente fra la scelta del cibo e la sua materializzazione nel piatto è davvero ridotto.

A seconda della fame, si sceglie la porzione normale o la sperlunga, vero e proprio vassoietto per golosi irriducibili.

Maccheroncini "lardo e cacio" alla sperlunga
Maccheroncini “lardo e cacio” alla sperlunga

Sulla nostra tavola trionfano i maccheroncini, appena impastati dalla massaia di La Rupe, tagliati spessi e cotti leggermente al dente. Sarebbero stati buonissimi anche senza condimento, per la qualità intrinseca della pasta, ma, serviti nelle loro salsette (lardo e cacio per me, pecorara per la mia amica), sono davvero deliziosi, grazie anche alla consistenza croccante della pancetta, protagonista di entrambi i piatti.

Maccheroni alla pecorara
Maccheroni alla pecorara

Il profumo di brace che accompagna i secondi resuscita l’appetito: più della braciola scelta dalla mia amica, mi colpisce la bontà del mio spiedino di salsiccia, anch’esso preparato al momento e rosolato in modo da mantenersi morbido e saporoso.

Per il dolce non c’è spazio: peccato, perché la zuppa inglese che abbiamo visto in bella mostra all’ingresso invita ad un incontro ravvicinato.

WP_20151020_009Il conto per due primi e due secondi, coperti, acqua e immancabile lattina di cocacola ammonta a 35 euro, in linea con i tariffari medi aquilani.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Per sapere quali locali sono già stati recensiti su Bennyland, vai alla pagina Ristoranti e Pizzerie

Precedente La chiesa di Santa Maria dei Centurelli sul Tratturo Magno (AQ) Successivo Anna di Niccolò Ammaniti (50/2015)

Un commento su “Il ristorante La Rupe di L’Aquila

  1. Benedetta Colella il said:

    Aggiornamento 21/11/2015: Nonostante molti tavoli siano liberi, il gestore millanta il “tutto esaurito” e non ci fa pranzare. Poco male, andremo a “La matriciana”, lì vicino, e ci troveremo benissimo.

I commenti sono chiusi.