L’osteria Mesciu Chiapparu a Melendugno (LE)

wp_20170103_20_39_46_proScoprire l’osteria Mesciu Chiapparu di Melendugno ed eleggerla meta di riferimento delle nostre peregrinazioni gastronomiche è stato immediato.
In questa enciclopedia vivente della gastronomia salentina abbiamo gustato i cibi tipici della tradizione, pagando molto poco e divertendoci parecchio.
Mesciu chiapparu, in italiano “mastro cappero”, indica nel dialetto del luogo l’incapace, il buono a nulla.
L’intitolazione qui è in chiara antifrasi: al contrario, la trattoria riproduce benissimo quell’atmosfera gaia e spensierata degli anni Ottanta.


Il Wi-Fi non c’è, ma, garantisce l’oste, c’è un vino che ti fa navigare fin da subito ed in effetti il Negramaro servito in caraffa è tanto piaciuto che i miei compari ne hanno acqustato qualche scorta direttamente dai produttori, a Carpignano Salentino.
Quasi nessuna portata, a Mesciu Chiapparu, supera i dieci euro: presi dall’entusiasmo, abbiamo ordinato tutto quel che ci veniva in mente e siamo sempre usciti a pancia piena e portafogli non vuoto.


I piatti, sistematicamente sbeccati (offese del tempo che passa o oculata riproduzione dei costumi antichi?), sono fluiti sulla tavola senza soluzione di continuità e senza ordine logico in tre giorni di pura goduria alimentare.
Secondo lo stesso criterio ve li racconterò in ordine sparso di bontà.

I morsi dell'osteria Mesciu Chiapparu
I morsi dell’osteria Mesciu Chiapparu

Incomincio con i “morsi”, incredibile piatto vegetariano fatto di rape, piselli e tocchetti di pane fritto, cotti separatamente e confluiti in un’unica padella solo per il salto finale. wp_20170103_21_14_45_pro
Subito dopo posizionerei la pasta cozze e fagioli di Marco, un piatto asciutto in cui una sorta di lunga pappardella a tortiglioni viene condita con cannellini, pomodorini, cozze sgusciate e non.wp_20170103_21_36_23_pro
Il baccalà, senza appellativi né formule, è cucinato in maniera molto rustica, con un sughetto semplice che accompagna il gusto deciso del pesce senza sovrapporvisi.wp_20170103_21_07_09_pro
La parmigiana è farcita con ogni ben di Dio: tra l’uno e l’altro strato di melanzana campeggiano così pezzetti di uova sode, mozzarella, prosciutto cotto e macinato.

I famosi ciciri e tria dell'Osteria Mesciu Chiapparu di Melendugno
I famosi ciciri e tria dell’Osteria Mesciu Chiapparu di Melendugno

Menzione speciale per ciciri e tria, una pasta e ceci tradizionale arricchita di tagliolini fritti (sic!)in piacevole contrasto con il gusto delicato della zuppa.

Orecchiette alla Mesciu Chiapparu
Orecchiette alla Mesciu Chiapparu

Ricotta forte, macinato e pomodori sono gli ingredienti delle orecchiette alla Mesciu Chiapparu, poco fotogeniche (ma molto buone) perché interamente ricoperte di rucola.20170105_142253
Anche i pochi piatti meno caratterizzati dal punto di vista della tradizione, come le polpette o gli strozzapreti con funghi e salsiccia, quanto a sapore non hanno nulla da invidiare ai “colleghi” salentini.20170104_213753

E ancora, a profusione, antipasti ricchi e abbondanti, dolci carichi e saporiti, ricette narrate più che presentate, cortesia, prezzi bassi: l’osteria Mesciu Chiapparu è fra i ricordi più belli della nostra vacanza in Salento.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Su Viaggi e Viaggetti trovi invece l’intero itinerario in sintesi

Precedente Vincent City a Guagnano (LE) Successivo Lolita di Vladimir Nabokov (25/1001)